Ricetta mafalde corte con fiori di zucca e acciughe di Manlio Midori

ricetta di : | |

Share on Google+0Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Print this pageEmail this to someone

Mafalde corte con fiori di zucca e acciughe di Manlio Midori

Ma quanto sono belli i fiori di zucca? (non sto a discutere sul fatto che FORSE dovrei dire fiori di zucchina, si chiamano comunemente così e mi piace chiamarli così) Domanda retorica! Sono belli e sono buoni! Se fritti (con le pastelle più disparate: con o senza uovo, con o senza lievito, con anche il pangrattato o solo la farina, vuote o ripiene) sono sempre sublimi, con la pasta sono davvero piacevoli al gusto e alla vista a patto di arricchirli ma senza sovrastarne il sapore.

Ingredienti per 2 persone:
– 180 gr. di mafalde corte
– 25 fiori di zucca
– 4 acciughe
– 2 cucchiai di olio evo
– 1 scalogno
– 1 peperoncino
– 30 gr. parmigiano grattugiato

Descrizione della preparazione:
Pulire i fiori di zucca rimuovendo le parti verdi esterne e i pistilli; lavarli accuratamente, asciugarli e tagliarli a pezzettoni. Scaldare l’acqua per la pasta e, quando a bollore, cuocere. Tritare lo scalogno e metterlo in padella con l’olio, le acciughe e 2 cucchiai di acqua; lasciar cuocere a fuoco basso per qualche minuto; quando le acciughe si saranno “sciolte” alzare la fiamma e aggiungere i fiori di zucca e il peperoncino spezzettato; cuocere per qualche minuto aggiungendo 4-5 cucchiai di acqua di cottura della pasta; scolare le mafalde corte, saltarle in padella; impiattare e cospargere con il parmigiano grattugiato. Buon appetito.

Tempo indicativo preparazione: 30 minuti

Mafalde corte con fiori di zucca e acciughe di Manlio Midori

[Voti: 7    Media Voto: 4.7/5]

Info per Ricetta mafalde corte con fiori di zucca e acciughe di Manlio Midori

Inserita nelle categorie
Tag: acciughe, fiori di zucca, foto, mafalde corte, mafaldine, primo piatto, ricette con acciughe, ricette con fiori di zucca

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? Scrivi gli ingredienti qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *